Add to Flipboard Magazine.
2017-08-12_101608

VENEZUELA, TRUMP NON ESCLUDE OPZIONE MILITARE. MADURO CHIEDE COLLOQUIO

CASA BIANCA: SOLO SE DEMOCRAZIA

Trump non esclude l’opzione militare in Venezuela. Maduro chiede un colloquio telefonico col presidente Usa, ma la Casa Bianca risponde: solo quando sara’ ripristinata la democrazia nel Paese, per ora ha scelto la via della dittatura. Il Peru’ espelle intanto l’ambasciatore venezuelano a Lima. La Costituente durera’ due anni, ha detto Maduro.

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha rifiutato un colloquio telefonico con il suo omologo venezuelano, Nicolás Maduro, fino a quando non sarà “ripristinata la democrazia nel Paese”. Lo afferma la Casa Bianca in un comunicato.”Trump – aggiunge la Casa Bianca – ha chiesto a Maduro il rispetto della Costituzione, elezioni libere ed eque, la liberazione dei prigionieri politici e la cessazione delle violazioni dei diritti umani. Al contrario, Maduro ha sceltola via della dittatura”.

“Abbiamo diverse opzioni per quel che riguarda il Venezuela, compresa quella militare se necessario: abbiamo soldati sparsi per tutto il mondo, in posti anche molto lontani. Il Venezuela non è lontano e la sua gente sta soffrendo”, aveva dichiarato Trump in conferenza stampa. In precedenza la Casa Bianca aveva diffuso un comunicato in cui si affermava che gli Stati Uniti “sono a fianco della popolazione venezuelana di fronte alla continua repressione” del governo del presidente Nicolas Maduro.

L’opzione militare in Venezuela evocata da Donald Trump e’ una “pazzia” e un atto di “estremismo”. Lo ha detto il ministro della Difesa venezuelano Vladimir Padrino. “Con questa elite estremista al potere negli Stati Uniti, chi puo’ sapere cosa accadra’ al mondo?”, ha affermato Padrino, fedele alleato del presidente Nicolas Maduro.

Il governo peruviano ha ordinato l’espulsione dell’ambasciatore del Venezuela, a causa della “rottura dell’ordine democratico” del presidente venezuelano Nicolas Maduro: lo ha reso noto il Ministero degli Esteri di Lima. L’ambasciatore, Diego Molero, ha cinque giorni di tempo per lasciare il Paese; l’espulsione del rappresentante diplomatico venezuelano era stata approvata nei giorni scorsi dal Parlamento peruviano.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *